Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Letture di un passato 2020

Illustrazione di Hannah Reich Con il consueto sottofondo del Concerto di Capodanno della Filarmonica di Vienna che apre ogni 1 gennaio, mi accingo a buttare giù qualche riga tardiva sull 'inconsueto anno letterario appena concluso. Tralasciando come oggetto la pandemia che ha stravolto le nostre vite e sicurezze calando (forse per sempre) possibili regressioni sociali, politiche ed economiche di una portata che solo la generazione seguente ci potrà dire, soggettivamente per me è stato un tempo di radicale cambiamento come ho già sottolineato nell'ultimo  post  di dicembre. E in questo radicale cambiamento esterno (a cui sussegue per forza di cose quello interno) mi stupisco di come le possibilità dell'essere umano di adattarsi ad ogni scenario, e quindi di raccogliere ciò che ne è rimasto guardando ancora lontano nonostante tutto, siano davvero così tenaci e interminabili. Da lettrice, invece, mi stupisco di come la vita sia così incisiva nelle nostre letture e di come let

Ultimi post

"Gli ultimi giorni di Immanuel Kant" di Thomas de Quincey

"La Lettera Anonima" di Andrea Camilleri

"Emma" di Jane Austen

"Il Giovane Holden" di J. D. Salinger

Quando la lettura passa per la rete e va bene anche per l'estate.

"Louisa May Alcott" di Martha Saxton

Winston Churchill, quando non faceva la storia faceva arte¹

"Il Generale nel suo Labirinto" di Gabriel García Márquez

"Yoshe Kalb" di Israel Joshua Singer

"La Concupiscenza Libraria" di Giorgio Manganelli

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...