Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

"Costruire il nemico" di Umberto Eco

 Anni fa a New York sono capitato con un tassista di difficile decifrazione e mi ha chiarito che era pakistano. Mi ha chiesto da dove venivo e gli ho detto dall'Italia. Mi ha chiesto quanti siamo ed è stato colpito che fossimo così pochi e che la nostra lingua non fosse l'inglese. Infine mi ha chiesto quali sono i nostri nemici. Al mio "prego?" ha  chiarito pazientemente che voleva sapere con quali popoli fossimo da secoli in guerra per rivendicazioni territoriali, odi etnici, continue violazioni di confine e così via. Gli ho detto che non siamo in guerra con nessuno. Karl Koehler <<Non ce lo meritavamo>>. È una monotonia che ricorre spesso in questi giorni bui, che apre ad un marzo freddo e ventoso, già carico di angosce ed interrogativi intimi ed incredibilmente storici, come se la storia non avesse già fatto sentire il suo peso negli ultimi due anni. Non avevamo bisogno anche di questo, non avevamo il bisogno di ripercorrere in prima persona quello che

Ultimi post

..."La pacifica unione dell'Europa era fallita"... Nel mondo di Ieri di Stefan Zweig

"Il Gattopardo" di Giuseppe Tomasi di Lampedusa

"I Leoni di Sicilia" di Stefania Auci e il suo triste modello fiction

"Quattro casi per Hercule Poirot" di Agatha Christie

"Klara e il Sole" di Kazuo Ishiguro

Quella ricerca di equilibrio artistico tra la vita e rappresentazione della vita, "Al Faro" di Virginia Woolf

"Una donna" di Annie Ernaux

"L'uomo che diventò donna" - "Cavalli e uomini" di Sherwood Anderson, sketch di vita americana

"Il Barone Rampante" di Italo Calvino