Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

"L'uomo che diventò donna" - "Cavalli e uomini" di Sherwood Anderson, sketch di vita americana

 Qualche volta, in questi ultimi anni, ho pensato che i negri forse capirebbero quello che sto cercando di dire meglio di quanto qualunque bianco possa mai fare. Intendo qualcosa che riguardi gli uomini e gli animali, un qualcosa fra loro, qualcosa che forse non può accadere a un uomo bianco se non quando esce un po' fuori di testa, come suppongo era successo a me. Penso che molti di quelli che si occupano di cavalli provino questa sensazione. É una cosa così, forse... non credete, che quel qualcosa che noi bianchi abbiamo, a cui diamo tanta importanza e di cui siamo tanto fieri, non valga poi così tanto? Quando nel 1923 pubblicò la raccolta di racconti "Cavalli e uomini" (qui proposta dalla casa editrice Cliquot col titolo "L'uomo che diventò donna" ) lo scrittore americano Sherwood Anderson (1876-1941) aveva già guadagnato l'ingresso del panorama letterario nazionale grazie al suo  "Winesburg, Ohio" , rivelazione del 1919. Metà racconto e m

Ultimi post

"Il Barone Rampante" di Italo Calvino

Letture di un passato 2020

"Gli ultimi giorni di Immanuel Kant" di Thomas de Quincey

"La Lettera Anonima" di Andrea Camilleri

"Emma" di Jane Austen

"Il Giovane Holden" di J. D. Salinger

Quando la lettura passa per la rete e va bene anche per l'estate.

"Louisa May Alcott" di Martha Saxton

Winston Churchill, quando non faceva la storia faceva arte¹

"Il Generale nel suo Labirinto" di Gabriel García Márquez

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...