venerdì 24 maggio 2013

"Il Grande Gatsby" di Baz Luhrmann

"Gatsby credeva nella luce verde,al futuro orgastico che anno dopo anno indietreggia di fronte a noi.Ci è sfuggito allora,ma non importa,domani correremo più forte,allungheremo ancora di più le braccia...E un bel mattino...
Così continuiamo a remare,barche contro corrente,risospinti senza posa nel passato."






Presentato il quindici Maggio a Cannes,"Il Grande Gatsby",del regista australiano Baz Luhrmann,("Moulin Rouge","Australia")è la trasposizione cinematografica del romanzo-capolavoro omonimo di F.S.Fitzgerald."Il Grande Gatsby"
Film dal cast,scenografia e costumi eccezionali e da un budget molto alto,costato 105 milioni di dollari,è un omaggio voluto dal regista al grande scrittore americano.
Ambientazione ricreata "ad hoc" dell'America nella prima metà degli anni 20,con la sua dicotomia tra divertimento e proibizionismo,tra le luci sfavillanti,i colori vivaci e rassicuranti del West Egg (dove vivevano i ricchi) e il buio,la polvere,la terra del East Egg (dove vivevano i poveri),in cui fanno quasi da "spettatore opprimente" gli occhi azzurri figuranti sul cartellone pubblicitario dell'oculista T.J.Eckleburg,sotto cui si svolge il dramma.L'America dell'"età del jazz",dell'euforia e della ribellione che seguirà inevitabilmente la crisi del '29.

Le riprese effettuate nel 2011,sul continente australiano,seguono perfettamente le vicende del contrabbandiere milionario Jay Gatsby e del suo "amore" o "sogno" per l'indolente Daisy Fay.
Gatsby,presentato magistralmente dall'attore Leonardo Di Caprio ("Titanic","The Aviator","Django Unchained"),che non fa rimpiangere per nulla il "Gatsby" di Robert Redford (1974); è riuscito a mostrare il personaggio con le sue numerose sfaccettature: il contrabbandiere,il trimalcione,il gentiluomo;se non appieno la malinconia,però,la fede ostinata verso il passato e la speranza,"la luce verde",che diventa il sogno americano e il sorriso tipicamente gatsbiano.
Daisy,l'amore fin troppo esaltato nel film (nel romanzo Gatsby amava l' "idea" di Daisy, ha interpretazione di Carey Mulligan ( la Kitty Bennet di "Orgoglio e Pregiudizio", 2005),accettabile fisicamente ma,che non ha saputo dare personalità e attrattiva al personaggio.


Di rilevanza,invece, a parte il noioso Tobey Maguire ("Spider-Man"),nel ruolo di Nick Carraway,reinventato in scrittore,occupando troppo spazio nel film,restano la brava Isla Fisher("I Love Shopping") nella figura patetica e volgare di Mirtle Wilson; come Joel Edgerton("King Arthur") nell'arrogante ed egoista Tom Buchanan,perfetta Elizabeth Debicki in Jordan Baker.
Tra le canzoni spicca sicuramente la bella "Young and Beautiful",colonna sonora del film cantata da Lana del Rey;quasi un obbobrio la rivisitazione di Beyoncé per "Back to Balck".
Di grande pregio anche i dialoghi e la narrazione fedelissimi all'originale romanzo.
Il film all'uscita è stato criticato per essere molto "kitsch",sovraccarico;il regista si è difeso dichiarando che sarebbe "molto piaciuto a Fitzgerald",lui che lavorò a Hollywood negli ultimi anni,d'altra parte anche la stessa Eleanor Lanahan,nipote del romanziere,ha confermato il suo beneplacito,che "al nonno,si, sarebbe piaciuto".


Resta per me un grande atto di coraggio aver portato in una maniera così potente uno dei più grandi capolavori della letteratura mondiale,e il finale vale,veramente,tutto il film.


10 commenti:

  1. Sono d'accordissimo: il film è molto molto fedele al romanzo e Leonardo Di Caprio ha dimostrato grande professionalità! Bravo Baz Luhrmann!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il libro è chiaramente insuperabile...ma Luhrmann ha fatto un buon lavoro!
      Complimenti per il blog!

      Elimina
  2. E' uno dei migliori film della stagione! Veramente bellissimo!

    ;-)

    RispondiElimina
  3. Da come ne parli dev'essere bello davvero!!
    Chissà che questa volta Di Caprio non vinca l'Oscar,
    non impazzisco per lui, ma quando uno è bravo.....
    Love Susy ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Susy,anche io non sono stata mai "dicaprizzata" ma l'attore in questo ruolo si è superato!

      Elimina
  4. Ciao...Michela, scopro solo ora il tuo nome!
    Un grandissimo capolavoro che ho sempre amato molto. Riguardo al film, non lo so, non ho molta voglia di vederlo, forse è una questione di età ma per me Gatsby è Redford.
    Ciao, buona serata e buon fine settimana
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonella,ti consiglio di vedere il film,Di Caprio ha studiato a dovere la parte,ha reso vivo Gatsby...il film del 74 era un po' piatto,poco fedele.

      Elimina
  5. Ciao,
    anch'io ho amato il romanzo e il film mi è piaciuto moltissimo. Gli sguardi di Leo, quando guarda Daisy, mi hanno fatto venire la pelle d'oca.
    Complimenti per il blog, è molto bello.
    Baci

    RispondiElimina
  6. per sapere qualcosa sulla scenografia ti lascio questo link

    http://arkitalker.wordpress.com/2013/09/03/art-deco-nel-grande-gatsby/

    RispondiElimina