mercoledì 20 agosto 2014

Il nostro patrimonio,la Basilica di San Salvatore

" Il maggiore monumento spoletino dell'antichità."
  Giuseppe Sordini ( 1853-1914 ),grande archeologo e critico d'arte.




Nemmeno una settimana fa,tutte le televisioni hanno riportato la notizia del rapimento di un prestigioso quadro del Guercino ( 1591-1666 ),la " Madonna con i Santi Giovanni Evangelista e Gregorio Taumaturgo",nella Chiesa di San Vincenzo a Modena.
Rapimento favorito dal mal funzionamento della telecamera di sorveglianza.
Nelle mie ultime escursioni umbre,sono andata a Spello ( uno dei borghi più belli d'Italia ),per visitare la Chiesa di Santa Maria Maggiore,ove si trovano alcuni magnifici dipinti del Pinturicchio ( 1454-1513 ),ammirabili alla modica cifra di 2 euro a persona!
Ed è impossibile non pensare al nostro patrimonio culturale;fragile strutturalmente,facile a chi voglia portarsi via qualche pezzo,vantaggioso per gli speculatori;eppure industria e cultura potrebbero camminare insieme*.
Ma una cosa mi ha stupito,anzi un posto.A Spoleto ( PG ),poco lontano dal cimitero monmentale,vi è un luogo dove regna un sacro silenzioso,dove poche persone vi si incamminano,dove veramente si ha la sensazione che il tempo non sia mai passato non è una banalità.E' la Basilica di San Salvatore.
Non bsogna essere religiosi per apprezzarla,né avere uno spiccato gusto artistico,perché lì abbiamo davanti la bellezza essenziale e molteplice dll'arte.




Si tratta di una basilica paleocristiana rinnovata dai Longobardi,ascrivibile ai secoli VII ( fine ) e VIII ( prima metà ),di probabile origine funeraria,dedicata inizialmente ai martiri Concordio e Senzia e che dopo vari cambi di nome è passata definitivamente,nel Novecento,il titolo di San Salvatore.
Ha tre navate,con presbiterio tripartito che,nella zona centrale è coperto da una struttura a volta su base ottagonale,modificata nella tipologia a lanternino in epoca post-rinascimentale.
Purtroppo della decorazione interna non rimangono che stucchi in contro facciata ed alcuni elementi nell'abside.
Nela nicchia centrale è dipinta una particolare croce gemmata,dalle cui braccia pendono delle catenelle con l'A e l' Ω.A sorreggere l'edificio si innalzano,come verso il cielo,le splendide colonne doriche nella navata e corinzie nel presbiterio.La chiesa presenta inoltre un consistente riutilizzo di spolia,ovvero materiale antico,
di diversa provenienza,quali colonne,basi,capitelli,conici.
Ma ciò che rende famosa,la basilica di San Salvatore è la sua ricchissima facciata.Le finestre,sormotate da frontoncini triangolari,quella centrale da un arco e il portale maggiore decorato a racemi,con fiori,rosoni e al centro la croce palmata,ormai simbolo della città.
Nel 2011 è stata inserita nella lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO.







E' una emozione grandissima il poter avanzare silenziosi,in questo posto,spoglio,abbandonato,consumato dai secoli,dove la luce che entra dalle finestre e la pietra lo rendono degno di rispetto e venerazione.
Ho pensato che si potrebbe ristrutturarla,ritrovarne i colori vivi della pavimentazione,delle pareti,gli intagli delle colonne...Ma no,in quel monumento solitario e distante,alberga la bellezza senza gli artifici umani.







* Questo pensiero l'ho letto nella Chiesa di San Ponziano a Spoleto.


Fonti :

" Sulle tracce dei Longobardi nel ducato di Spoleto "


foto ( C ) Alessandro Tommasi
©
©
©

6 commenti:

  1. Che luogo incantevole, già dalle foto se ne respira la magia: posso solo immaginare l'emozione di essere all'interno! Concordo poi sul fatto che molti luoghi andrebbero maggiormente tutelati: spesso autentici gioielli del nostro patrimonio culturale sono lasciati a se stessi, sicchè non solo cittadini e turisti ne ignorano l'esistenza, ma, peggio, chiunque può danneggiarli impunemente. L'arte e la bellezza sono il nostro oro, mentre rincorriamo primati industriali che non ci appartengono, perdiamo di vista la ricchezza del nostro territorio, che non ha eguali nel mondo. Ecco perché è doppiamente importante che esperienze come quella che ci hai descritto siano lette e conosciute! :)

    RispondiElimina
  2. Sarà la storia o la bellezza, ma in generale questi luoghi silenziosi mi hanno sempre rilassato. Si porta a casa un bellissimo ricordo.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si,mi ha stupito moltissimo anche rispetto ad altre bellissime chiese che ho potuto visitare.

      Elimina
  3. Ciao! Hai visitato proprio dei bellissimi luoghi ^^ e hai un bellissimo blog! Se hai voglia passa da me ^^ A presto .. Polly

    RispondiElimina