giovedì 27 novembre 2014

" Seta", Alessandro Baricco

" La Francia,i viaggi per mare,il profumo dei gelsi a Lavilledieu,i treni a vapore,la voce di Hélène.Hervé Joncour continuò a raccontare la sua vita,come mai,nella sua vita,aveva fatto. "





Pubblicato nel 1996, " Seta ",di Alessandro Baricco ( 1958 ),fu il caso letterario di quel periodo.
Tradotto in trentasei lingue,successo mondiale di pubblico e critica,accompagnato dal 2001 dall'omonimo film diretto da Francois Girard con Michael Pitt e Keira Knightley, " Seta " e tra i romanzi più belli e oroginali dello scrittore italiano.
La trama di  questo breve romanzo,si snoda sotto forma di una fiaba,continui echi classicheggianti,ripetizioni,
uno stile narrativo lento,poetico e sensuale.
Un Giappone lontano,elitario e conturbante; di contro i luoghi familiari e dolci del paese natio.

Ambientato in un paesino della Francia,Lavilledieu,nel 1861,quando " Flaubert stava scrivendo Salammbô,l'illuminazione elettrica
 ancora un'ipotesi e Abramo Lincoln,dall'altra parte dell'oceano,stava combattendo una guerra di cui non avrebbe mai visto la fine ", Hervé Joncour,
sposato con la  dolce Hélène,venditore di bachi da seta,da cui ricavare il pregiato tessuto,a causa di una epidemia che ne distrugge le uova,parte per il Giappone,dove si produce la seta più bella,per comperare uova sane.
Dopo un lungo viaggio,viene ricevuto da un signore potentissimo,Hara Kei,che ha come amante una donna non orientale,bellissima e misteriosa,che affascina subito Hervé.
Dopo un secondo viaggio in Giappone,Hervé,ancora più infatuato dell'enigmatica ragazza,trova un biglietto con ideogrammi giapponesi,inequivoco segno d'amore.
Al ritorno definitivo in paese,Hervé,trascorre la sua esistenza nella rassegnazione e nell'indifferente monotonia accanto ad Hélène.
Alla morte della moglie,solo,l'uomo scopre l'autrice della lettera : é proprio Hélène,che ha vissuto per molto tempo all'ombra della misteriosa donna,nella sofferenza e nell'accettazione di non essere amata dal marito.
E di Hélène,di cui conoscevamo solo la dolcezza e la voce bellissima,si rivela tutta la sua forza amorosa,inespressa e taciuta.
Rinsavito dall'infatuazione,Hervé Joncour vivrà nel ricordo dell'amata moglie.


" Ogni tanto,nelle giornate di vento,scendeva fino al lago e pensavava ore a guardarlo,
giacché,disegnato sull'acqua,gli pareva di vedere l'inspiegabile spettacolo,lieve,che era stata la sua vita. "



Libro :

" Seta ", A.Baricco,Fandango Libri

Nessun commento:

Posta un commento