domenica 13 maggio 2012

"Pot -Bouille",ovvero la minestra borghese

"Guardava l'uditorio,l'attenzione cortesemente distratta degli uomini e il rapimento obbligato delle donne: quelle espressioni di convenienza di persone che tornano a se stesse,riprese dalle preoccupazioni di tutti i giorni,la cui  ombra affiorava sui loro volti affaticati.Le madri sognavano visibilmente le prossime nozze delle figlie,con la bocca semiaperta e le dentature feroci,in un incosciente abbandono: era la mania dominante nel salotto,un furioso appetito di generi,che si risvegliava in quelle borghesi ai suoni asmatici del pianoforte".



Quando "Pot-Bouille" uscì nel 1882,fu accolto da critiche così aspre da superare quelle del '77,con la pubblicazione dell ' "Assommoir";sicuramente da qui si capisce la poca fortuna che ha avuto questo decimo romanzo del ciclo dei "Rougon-Macquart" dello scrittore francese Emile Zola (1840-1902).
Zola che per anni si era scagliato contro la classe operaia,i commercianti,la Chiesa,i politici,questa volta svelava le turpitudini della classe dominante ottocentesca:la borghesia.
I borghesi che si erano divertiti e aveva canzonato le vicissitudini di chi stava sotto di loro,rimasero indignati nel vedersi umiliati;loro che il ceto che muoveva la Francia.
"Pot-Bouille" * era un termine ottocentesco francese che significava "un cibo ordinario che sotto la sua apparente bonomia nascondeva una cucina terribilmente equivoca e ingannatrice",che diventa in questo romanzo proprio la metafora della borghesia.

Ambientato nella Parigi del Secondo Impero,in un ricchissimo e nuovo palazzo in rue de Choiseul,come in un film hithchcokiano,il lettore ne spia la vita di questo apparente tranquillo condominio.
"L'appartato" protagonista è Octave Mouret,figlio di Francois Mouret e Marthe Rougon,già visto nella "Conquista di Plassans";arrivato a Parigi per far fortuna.



Personaggi:

  • 1° piano : Coniugi Théophile Vabre - Valérie ,con il figlio Camille, lui malato,paranoico,sospettoso sui tradimenti della moglie,lei infedele per noia.
         Coniugi Alphonse Duveyrier - Clotilde,lei incapace d'amare,devota solo al suo "status",lui vizioso e deprimente.
  • 2° piano : Signore sconosciuto.
          Coniugi Auguste Vabre - Berthe,anche lui malato,lei figlia di una madre viziosa.

  • 3° piano : Madame Juzeur,vedova ma maliziosa.
          Coniugi Campardon - Rose,con la figlia Angèle,lui tradisce la moglie sotto lo stesso tetto con la cugina di lei,Gasparine,lei malata di una malattia misteriosa che le impedisce di avere rapporti sessuali,la figlia mal educata a causa dello stretto rapporto con le domestiche.

  • 4° piano : Octave Mouret.
          Coniugi Josserand, con i figli Hortense,Berthe,Saturnin,lui sottomesso alla sua terribile moglie,Hortense e Berthe (che andrà sposa poi ad Auguste) educate come prostitute,Saturinin malato di mente.
           Coniugi  Jules Pichon - Marie,con la figlia Liliete,lui indifferente e abitudinario,lei stupida e ingenua insieme.


5° piano : delle domestiche : Lisa e Victorie (Campardon),Hippolyte,Clémence,Julie (Duveyrier),Louise (Jozeur),Adèle (Josserand),Francoise (Vabre),Rachel (Berthe).


Qui entra in un clima di ostentata onestà e rispettabilità che servono a occultare solo i vizi e le colpe più orribili.Octave,personaggio cinico e ambizioso si ritrova in un miscuglio di adulteri,perpetrati tra l'altro senza vera passione e solo per noia,di banchetti sontuosi con cucine sporche,di odi parentali,questioni ereditarie,uomini impettiti tra le loro medaglie e i loro onori ma senza dignità e fermezza,donne devoto al lusso e allo "status" e non coscienti dei propri doveri,madri che educano le figlie come prostitute,segreti di cui si fa custode il portinaio Gourd che vede il male e la sporcizia fuori dal palazzo,in netto contrasto con la "spontaneità" delle domestiche che deridono e mettono in mostra le beghe dei loro padroni.
Il giovane Mouret alla fine riesce a farsi strada sposando la bella vedova Madame Hédouin,titolare del negozio "Il Paradiso delle Signore**".


Quel che espone Zola è uno spaccato della società dell'epoca "l'immagine,l'idea della casa borghese,che fa da sfondo agli avvenimenti  fondamentali della vita dell'uomo,la nascita,l'accoppiamento,la morte,con in più le scene e i riti tipici della vita borghese".
Una borghesia posta come in un limbo,non tra l'operante proletariato e nemmeno nell'invidiata aristocrazia,
ma una classe nullafacente,egoista e narcisistica,che si specchia delle proprie false beltà.
Tra le scene più incisive,glia amori di Berthe e Octave in una stanza piccola e lurida,il parto assurdo della domestica Adèle e l'espressione fin troppo ripetuta di Madame Josserand "Io,se avevo venti soldi,ho sempre detto che ne avevo quaranta:perché questo è il segreto,è meglio fare invidia che pietà..."


*In italiano il titolo è stato spesso tradotto con "Quel che bolle in pentola" o "Dietro la Facciata".
** "Il Paradiso delle Signore" è il romanzo dove continua la vita di Octave Mouret.


Fonti:

"Dietro la Facciata",Newton e Compton Editori

2 commenti:

  1. Ciao Toinette, molto bello e interessante, come sempre! Non ho mai letto questo romanzo ma adesso lo leggerò. Ciao, buone settimana Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo Zola è poco letto qui in Italia...ma per me è il più grande scrittore della letteratura francese dopo Balzac.

      Elimina