martedì 29 luglio 2014

" Shakespeare & Co ",la storica libreria di Parigi

" In quella strada fredda spazzata dal vento,era un posto caldo,allegro,con una grossa stufa durante l'inverno,tavoli e scaffali di libri,libri nuovi in vetrina,e sulle pareti le fotografie di scrittori famosi,morti e viventi."
( " Festa Mobile ",E.Hemingway )




Sparse nel mondo vi sono molte librerie e biblioteche architettonicamente belle,originali,a volte stravaganti o assurde,ma ce n'è una che forse propriamente bella non è,ma ha la magia che solo una vera libreria può dare; un " Gotha " di libri che ogni accanito lettore morirebbe dalla voglia di visitarlo.
In questo posto sono passati grandi scrittori,è passata la grande letteratura allora proibita,è passata la storia; è la " Shakespeare & Co " di Parigi.


La " Shakespeare & Co " è oggi una delle mete principali dei turisti che ogni anno scelgono la suggestiva città di Parigi.Si trova al n° 37,rue  de la Boucherie,vicinissima a Notre-Dame e alla Senna.
Ma non è stata sempre questa la sua locazione.
Fu fondata nel 1919 da una emigrata statunitense,conosciuta già negli ambienti intellettuali parigini,Sylvia Beach ( 1887-1962 ),al n° 8 di rue Dupuytre.
Sylvia Beach era una donna molto particolare.viso vivace,finemente scolpito, occhi castani,capigliatura castana,allegra; amava ridere : " delle persone che ho conosciuto,nessuno è mai stata tanto gentile con me " disse Hemingway quando la conobbe.
Negli anni '20 divenne  ben presto celebre come luogo di ritrovo di artisti europei d'avanguardia e di espatriati americani come Ezra Pound ( 1885-1972 ),Francis S.Fitzgerald ( 1896-1940 ),Man Ray ( 1890-1976 ),Getrude Stein ( 1874-1946 ),James Joyce ( 1882-1941 ),Ernest Hemingway ( 1898-1961 ),che la menzionerà in uno dei suoi romanzi, " Festa Mobile " ( 1964 ) .


Sylvia Beach e James Joyce davanti alla libreria ( 1920 )

La Beach offriva ospitalità e libri ai nuovi scrittori emergenti,infatti all'interno,in un clima bohémienne,si trovavano ( e si trovano tuttora ) posti letto,armadi,lavandini,pentole,sale di lettura,tutto quello che poteva servire alla sopravvivenza delle genialità non ancora espresse dei futuri talenti letterari.
La statunitense era inoltre una acuta e attenta editrice : grazie a lei venne pubblicato " L'Ulisse " ( 1922 )  che Joyce non riusciva a far pubblicare,per l'originale stile narrativo poco compreso all'epoca.
Nel 1921 fu spostata al n° 2 di rue de l'Odéon,dove rimase  fino al 1941,quando anche la cultura,la libertà e le idee dovettero abbassare la testa,a causa dell'occupazione nazista in Francia.Così chiuse per sempre.
Ma come ogni ideale resuscitò.

Owen Wilson davanti alla libreria in " Midnight in Paris ".


Nel 1951,George Whitman ( 1913-2011 ),che non aveva nessuna parentela col ben più famoso Walt,aprì una libreria che chiamò " Le Mistral ",che però alla morte della Beach,prese definitivamente il nome di " Shakespeare & Co " in suo onore;riuscendo a farla divenire il fulcro del movimento artistico e letterario della " Beat Generation "; di qui passarono Allen Ginsberg ( 1929-1997 ) e William Burroughs ( 1914-
1997 ).
 Oggi la libreria è curata dalla figlia di Withman,Sylvia,degna omonima della prima,che favorisce eventi  e progetti come i " Sunday Tea ",incontri con gli scrittori.

La " Shakespeare & Co " non rappresenta solo un modello di libreria con il suo affasciante passato,ma è un monumento alla Letteratura e alle sue voci che nonostante tutto niente è riuscito a distruggere.
Se siete nei suoi dintorni anadatela ad omaggiare.


" Torneremo a casa e mangeremo qui e faremo un pasto delizioso e berremo il Beauve della cooperativa che si vede dalla finestra,là,col prezzo del Beauve sulla vetrina.E dopo leggeremo e poi andremo al letto a fare l'amore."
( Ibidem )



Sito : http://www.shakespeareandcompany.com/




Fonti :
" A Spasso per Parigi > Montmartre",C.Di Monte.
 " Festa Mobile ",E.Hemingway





4 commenti:

  1. Alcune città meriterebbero di essere visitate specificamente per tour letterari alla ricerca di angoli suggestivi come questo!

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia! questa è l'idea di libreria per me, non gli odierni supermercati di libri che tra un po' venderanno pure la mozzarella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione non si danno più valore alle librerie o biblioteche.

      Elimina