martedì 30 dicembre 2014

Buoni propositi per...

Non so se questo sia uno sfogo o,semplicemente una riflessione,ma di solito,nell'ultimo giorno dell'anno,oltre a divertirsi,stare in compagnia,si fanno bilanci,ci si volta indietro per soppesare ciò che si è realizzato inaspettatamente,costruito con fatica e ciò che bene non è andato.
Di conseguenza si rinnovano " i buoni propositi per l'anno nuovo ".Anche io ho i miei " buoni propositi ",
ne ho tantissimi...ma uno in particolare : rimanere me stessa ( forse sarà banale ) ma con le mie passioni.
Perché quello che toglie spazio alle mie passioni non sono tanto il lavoro o il tempo,bensì le persone.
Persone che ti assalgono con frasi tipo : " Hai trent'anni,quand'è che ti formi una famiglia,invece di pensare a questi maledetti libri? ", " Andare in giro per musei è tempo sprecato e non produttivo! "," Seguire una squadra sportiva è da uomini,non da donne! ". E via con domande,sentenze pressanti ed iperboliche che ti lasciano contrita e a volte ferita...
Io mi ribello fuggendo.
Quindi ho deciso di augurarmi e augurare per il prossimo anno,di rimanere se stessi,accompagnati dalle più belle passioni che avete,ancor di più,di coltivarle,sempre,perché niente è sprecato : è la prima grande libertà.


Vi lascio con una famosissima e stupenda poesia del grande autore americano Walt Whitman ( 1819-1892 ),
recitata ultimamente da Roberto Benigni nel suo ultimo spettacolo televisivo.

O me! Oh vita! di queste domande che ricorrono,
degli infiniti cortei di senza fede,di città piene di
sciocchi,
di me stesso che sempre mi rimprovero ( perché chi più
sciocco di me,e chi più senza fede? )
di occhi che invano bramano la luce,di meschini scopi,
della battaglia sempre rinnovata,
dei poveri risultati di tutto,della folla che vedo sordida 
camminare a fatica attorno a me,
dei vuoti ed inutili anni degli altri,io con gli altri legato
in tanti nodi,
la domanda,ahimè,la domanda così triste che ricorre -
Che cosa c'è di buono in tutto questo,ahimè,oh vita?

Risposta
Che tu sei qui - che esiste la vita e l'individuo,
che il potente spettacolo continua,e tu puoi contribuirvi 
con un tuo verso.

" Antibes Seen from the Salis Gardens ",C.Monet


5 commenti:

  1. Trovo che sia l'augurio più bello che potessi fare e che ti faccio a mia volta: a volte il rumore che le persone fanno intorno a noi rischia di soffocare il sussurro della nostra anima e questo, anche se agli occhi di chi parla e parla appare utile (ma quanti amano solo sentire la propria voce, senza interessarsi a ciò che davvero riguarda il prossimo?!), produce solo una grande insoddisfazione. Alla malora questi malpensanti, godiamoci ciò che ci fa stare bene e cerchiamo di circondarci di chi asseconda queste passioni! Tantissimi auguri, cara Michela, che questo 2015 sia ricco di gioia e serenità! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il supporto Cristina,in te ho trovato proprio una bella persona,spero di poterti conoscere un giorno nella tua bella Verona.Augurissimi per il l'anno che verrà!!!

      Elimina
    2. La stima è più che condivisa e un incontro sarebbe davvero una bellissima esperienza!! E' straordinario trovare affinità e argomenti di discussione comuni e, se la quotidianità non sempre lo permette, la rete rende possibili scambi inattesi e ricchi di soddisfazioni. Un abbraccio e ancora tanti auguri!! :)

      Elimina
  2. Non posso non unirmi a voi in questo bellissimo Augurio per il 2015.
    Anche io ho ormai superato i 30 e di "giudizi" e "assalti" a sproposito ne capitano sempre purtroppo!
    Ma è importante godersi ciò che ci fa stare bene e seguire le nostre passioni! SEMPRE!

    Tutta la mia stima e affetto a entrambe!

    A presto!

    RispondiElimina