martedì 18 gennaio 2011

Roxana,L'Amante Fortunata




"Se vi preme la felicità futura,la prospettiva di far vita serena con un marito,se vi accarezza la speranza di conservare i vostri beni o di rinnovarli dopo qualche rovescio,mai,giovani amiche,sposate uno sciocco;un marito qualsiasi piuttosto che uno sciocco."




("Lady Roxana",Daniel Defoe)








Sicuramente il meno letto rispetto agli altri due capolavori ("Robinson Crusoe" e "Moll Flanders") di Daniel Defoe(1660-1731),"Lady Roxana"(1724) chiude il ciclo dei romanzi dello scrittore inglese.


Ambientato principalmente in Inghilterra durante il regno di Carlo II Stuart(1660-1685),è la parabola di una giovane e bellissima donna,Susan,figlia di rifugiati,che dopo un inizio in miseria riesce a diventare ricca grazie al suo mestiere di cortigiana e diventare famosa con il nome di Roxana ma allo stesso tempo ripiombare subito nella miseria più nera dopo una vita di tante dissolutezze e un crimine.


Una Lady Roxana,cortigiana,amante si del vizio,tanto da non riuscire a liberarsene ma ancor di più affarista,desiderosa di ammontare denaro,gioielli,vestiti a prezzo della virtù e dell'onore.


Ostile al matrimonio,visto come una prigione per la donna ma ambiziosa se esso può portare titoli e un'alta posizione sociale.


Il matrimonio viene quindi visto come un contratto economico e non un legame d'affetti.


Lady Roxana risulta essere insieme a Moll Flanders un'eroina atipica nella letteratura,ma diversamente da Moll per Roxana non c'è un finale sereno,i suoi propositi di diventare una donna onesta non risolvono a cancellare la vita passata e l'ultima nefandezza di cui si è macchiata.


In quest'ultimo romanzo Defoe cambia rotta e scarena il castigo divino;il peregrinare della bella è finito come sette anni dopo finirà quello dello sfortunato romanziere.






"...molta carità comincia nel vizio..."
















Nessun commento:

Posta un commento