giovedì 8 settembre 2011

Il tetto del 15%:Quando la cultura costa cara

Tra tutte le nuove manovre approvate dal nostro governo,certamente ve ne sono di molto più discutibili,ma questo è un blog letterario e non poteva passare inosservata questa nuova legge "Levi".
Ormai tutte le case editrici avranno un tetto massimo del 15% di sconto,ovvero non si vedranno più nelle librerie offerte,promozioni del 20,25,30%,questo per favorire le piccole e nuove case.
Una legge impensabile e molto criticabile visto che in Italia il costo dei libri è elevatissimo,supera addirittura quello degli altri paesi europei,tutt'al più che nel nostro paese si legge poco e la fascia giovanile ancora meno.
Questa,quindi andrà a pesare moltissimo non solo nelle tasche di tutti gli accaniti lettori ma anche nelle tasche del paese stesso dove la cultura,quella libera,potrebbe fare la differenza.

2 commenti:

  1. Una legge stupida e inutile. Le persone comprano su internet e nei siti stranieri.

    RispondiElimina
  2. Concordo anche se io non mi sono mai avventurata nella ricerca dei libri su internet.

    RispondiElimina